Stoner di John Williams


Devo dire la verità sono sempre stata lontana dai libri che parlano tutti, oppure quelli che trovi sempre nei supermercati, quelli osannati da tutti. Questo lo vedevo e lo rivedevo, pensando che fosse una novità ma invece a fine lettura mi sono accorta che è stato pubblicato nel 1965! È stata una bella sorpresa in quanto non conoscevo lo scrittore ma che è diventato sin da subito uno dei miei migliori scrittori, anche se è il primo libro che leggo di John Williams! Sono quei scrittori che a fine lettura mi vien voglia di scrivergli una lettera, email, cercarli su FB, insomma contattarli per riferire quanto mia sia piaciuto il loro libro! Ovviamente John Williams non è più con noi, morto per un arresto cardiaco (l’ho letto da qualche parte ma ora non trovo più la pagina, ma potete trovare qui, una piccola intervista fatta alla moglie di John, anche se io avrei voluto saperne molto di più! Ma da quella intervista, l’ho sentito più vicino, John amava fare l’orto, pianificava la sua scrittura la sera per poi darne forma di primo mattino. Già me lo immaginavo nella sua casa a scrivere per poi uscire in giardino a togliere erbacce, raccogliere le verdure e tutto d’un tratto si rifugia in casa a scrivere, perché improvvisamente gli sono venute tante idee per il libro o parole che faticavano ad uscire. La vita degli scrittori mi interessa sempre parecchio, anche se non sono famosi è sempre bello vedere come gestiscono il loro tempo, cosa fanno quando non scrivono, come e quando scrivono, da dove arrivano e prendono le idee, insomma sono curiosa!
Tornando al libro vi posso dire che l’ho amato per la sua semplicità, no anzi per la storia che potrebbe apparire banale che nessuno si immaginerebbe di ricamarci sopra una storia. L’ho trovata geniale, perché dalla banalità ne è nato un grande romanzo. Ho sempre pensato che per essere uno scrittore devi per forza avere o vivere una vita, diciamo avventurosa, ricca di avvenimenti, strani o no. Ricca di viaggi, nuove persone, ecc…ma ho dovuto ricredermi, perché questa storia, pur sempre inventata è di una genialità inaspettata. Su una recensione di Goodreads una ragazza ha scritto: il libro di una vita. il libro della vita. Mi chiedo ancora ora come è riuscito a scrivere un romanzo di poche pagine (322) ma che parla di una vita intera, di una formazione, di amore e amicizie, di guerra  e amici caduti in guerra, di malattie, di problemi sul lavoro, di tradimenti e matrimoni falliti già da poche ore dopo la cerimonia. Insomma ci sta proprio tutto li dentro, mi ha persino angosciata, sapere Stoner (il protagonista) sposato con una donna che avrei voluto prenderla a sberle, due a due! Terribile!  E lui che provava, ci provava a far funzionare il matrimonio, ci metteva tutto il suo essere, la sua delicatezza, ma lei era di ghiaccio, un muro, mai contenta, mai una gioia. Non voglio svelarvi piÙ di quel tanto, perché questo romanzo deve essere letto!

Io l’ho scelto prima che iniziassero le vacanze, in biblioteca, avevo paura di rimanere senza libri da leggere questa estate e ho arraffato qualsiasi libro che mi capitava e fra i tanti Stoner!

La prima parte del libro si centra sopratutto sull’inizio di formazione di Stoner, il distacco con i suoi genitori e l’inizio in un nuovo paese. Poi la seconda parte è quasi tutta incentrata sulla vita matrimoniale di Stoner e l’ultima parte sul lavoro di Stoner, la vita privata passa un po’ in retroscena ma c’è anche uno sconvolgimento in questa ultima parte che porterà Stoner ad essere piÙ felice e sopratutto provare le gioie dell’amore!

Termino ora la recensione, come sempre molto personale ma che tanto ci tenevo a scrivere.

Voi l’avete letto? Vi è piaciuto?

 

Annunci

4 pensieri riguardo “Stoner di John Williams

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...