101 cose in 365 giorni 2017

Mi sono ricordata di questa lista, lasciata nel dimenticatoio, giusto per ricordarmi di non fare più propositi! Voi siete soliti fare liste? Adoro fare liste ma starci dietro è tutt’altra storia! Anche dopo la sconfitta di questa lista sto già pensando mentalmente alle prossime liste da fare:

  • Orto: quali verdure seminare
  • Libri: quali libri vorrei leggere
  • Lavoro: gli obbiettivi per questo anno
  • Salute: cosa cambiare per stare meglio
  • Blog: cosa scrivere o non scrivere

ecc… ecc…

Qui sotto potete vedere la lista con i pochi punti realizzati e quelli decisamente snobbati. Tante cose le avevo pure iniziate ma con il passare dei mesi abbandonate.

  1. Ri-Imparare a truccarmi (non mi trucco da più di 10 anni) (ci ho provato però)
  2. Visitare almeno 5 paesi nel mio cantone che non ho mai visto (0/5) (che vergogna)
  3. Portare/Spedire il curriculum in almeno 10 posti in cui vorrei davvero lavorare anche se so che non mi chiameranno mai (0/10)
  4. Riuscire a finire e platinare Syrim!PS4 ✔︎
  5. Leggere un libro in lingua e capirlo (inglese)!! (iniziato)
  6. Chiedere a dieci persone diverse il loro libro preferito e leggerlo 0/10
  7. Leggere almeno 3 classici (0/3)
  8. Andare dalla parrucchiera e farmi un taglio e colore (sarebbe ora dopo 15 anni!!!) (magari quando avrò un lavoro!!!)
  9. Provare a fare un video e pubblicarlo su YouTube (nonvogliomaipiuesseretimida) che si veda il mio viso però!!!
  10. Scrivere con costanza qui sul blog o l’altro insomma scrivere!!! Tipo un post a settimana. (siamo sulla buona strada a parte qualche buco qua e là)
  11. Incontrare qualche autore (magari!!!!)
  12. Andare a vedere un museo
  13. Andare al cinema (al lunedì che costa meno!) Siii!!! Guardiani della galassia 2
  14. Mettere via Fr 2.- per ogni obiettivo completato
  15. Andare a ritirare la talpina in feltro da Claudia!!!! (ordinata a ottobre!!!)
  16. Portare a termine il diario 2017 più foto
  17. Cercare 10 ricette di dolci confortanti, farne un libretto completo di foto e suggerimenti per  periodi ansiosi! (0/10)
  18. Fare almeno dieci cose carine a mio marito (tipo quando si addormenta sul divano coprirlo con una coperta invece di fargli scherzi o svegliarlo bruscamente) (0/10)
  19. Fare almeno una passeggiata in montagna con la mia famiglia/amici con tanto di picnic e giochi nel bosco
  20. Trovare almeno un’amica, un’amica di quelle che ci si sente ogni giorno! (si ho 36 anni e nemmeno un’amica…tristezza!!!)
  21. Platinare almeno 10 videogiochi che mi piacciono veramente e non solo per fare numero e non perché ci giocano tutti!!! (9/10) PS4 (1-Horizon, 2-Skyrim, 3-Assassin’s Creed Syndicate, 4-HitmanGo, 5-WatchDogs, 6-GoatSimulator, 7-Assassin’s Creed Unity, 8-FarCry Primal, 9-Life is Strange), 10 Assassin’s Creed Origins
  22. Fare una mini vacanza di un weekend solo con mio marito!
  23. Autoprodurre le bombe frizzanti per il bagno (non sapete da quanto tempo che lo dico)
  24. Fare un album con le mie fotografie che più mi piacciono e son piaciute e stamparne alcune e incorniciarle!
  25. Organizzare una bella festa per il mio compleanno con le persone che più mi piace stare con tanto di musica, buon cibo e tuffo in piscina di notte!
  26. Vendere almeno una cosa che ho cucito a qualche mercatino!✔︎
  27. Scrivere un bel menù con le pizze che prepariamo (no non abbiamo una pizzeria ma un forno a legna si!!!)
  28. Non andare in vacanza perché oramai tutti ci vanno! Boicotto le vacanze! Anche se adoro andare al mare! (intendo le classiche vacanze di una o due settimane)✔︎
  29. Andare con mio figlio più grande in cima al Monte Tamaro e fare la discesa con la bici! (da acquistare, magari un casco!)Sono della generazione senza casco e senza cinture di sicurezza!
  30. Fare un orto che sia un orto e non un campo abbandonato.✔︎
  31. Riempire almeno uno scaffale con marmellate, sughi auto prodotti da mangiare esclusivamente in inverno.
  32. Piantare altre piante di rosmarino e lavanda
  33. Andare a trovare più spesso i miei zii a Faido✔︎
  34. Leggere Anna Karenina o almeno iniziarlo!!!
  35. Fare 10 disegni e incorniciarli (0/10)
  36. Ogni mese creare una compilation di canzoni da ascoltare (in macchina, computer, ecc…) (1/12)
  37. Guardare un film in bianco nero con tanto di popcorn e copertina morbidosa (stile Una mamma per amica)
  38. Mangiare una pizza a Napoli. (Sin da piccola desidero visitare Napoli…non so nemmeno io il perché…a parte la pizza)
  39. Partecipare ad un concorso fotografico. (no non come modella!)
  40. Scrivere una storia. (si diverse)
  41. Rileggere almeno un libro letto tempo fa e che mi era piaciuto.
  42. Imparare a suonare la chitarra elettrica o classica (ovviamente riuscendo ad acquistarne una!!!)
  43. Autoprodurmi il deodorante. (per ora uso bicarbonato, vale?)
  44. Acquistare un pallone da basket e uno di calcio e andare a giocare con i miei figli nella bella stagione!
  45. Trovare un lavoro o ritornare a studiare! Anche se ho 36 anni! Anche se non c’è lavoro! Unica cosa: mi deve piacere!
  46. Ogni mese selezionare alcuni libri da regalare,  da portare all’emmaus o nelle biblioteche (1/12) GENNAIO fatto!!! olé
  47. Scegliere un  solo autore e leggere cinque suoi libri uno in fila all’altro! (0/5) Magari Stephen King!?
  48. Riuscire per una buona volta organizzare i pasti!!! Quindi rispettare il budget spesa!
  49. Guardare almeno tre serie tv su Netflix (3/3) Strange Things, Friends, L’altra Grace
  50. Stare una settimana senza mangiare dolci e schifezze varie. (purtroppo sono una golosa)
  51. Leggere almeno 5 Graphic novel (3/5)
  52. Creare un cosplay anche se non andrò a nessuna fiera!
  53. Entro la fine dell’anno avere un armadio di vestiti che mi piace mettere e buttare e non acquistare più vestiti che non mi stanno bene.
  54. Acquistare una giacca in vera finta pelle!!!!Questa siii la voglio!
  55. Acquistare la settimana enigmistica e farne un po’ ogni giorno!
  56. Fare una foto di famiglia particolare e incorniciarla e regalarla a chi ci sta a cuore.
  57. Insegnare a Stella (la mia cagnolona) a giocare (tipo quando tiro la palla, il bastone e lo va a recuperare me lo deve riportare perché sennò il gioco dura poco)ahhaha
  58. Fare un regalo a qualcuno senza un motivo particolare.
  59. Ogni mese seguire un tutorial su YouTube e riuscire a ricrearlo (0/12)
  60. Fare tante fotografie con le mie macchine analogiche e polaroid e farne un album
  61. Chiedere a 20 persone diverse la loro canzone preferita e farne un’album da ascoltare
  62. Riuscire a riguardare Mio padre che eroe con Depardieu e magari trovarlo in lingua originale
  63. Raccogliere la rosa canina e farne marmellata (ne sono golosa) Quando si raccoglie?
  64. Acquistare quelle lucine colorate all’ikea e metterle in terrazza!
  65. Invitare la mia unica e super cuginetta e pasticciare in cucina preparando biscotti o “strusare” (verbo molto svizzero, anzi molto ticinese anzi molto dialettale) con la soda caustica e bombe frizzanti!
  66. Leggere almeno una biografia✔︎ 
  67. Trovare il coraggio di essere me stessa sempre e comunque.
  68. Dormire sotto le stelle almeno per una notte (quando fa caldo, ovvio)
  69. Aiutare i miei figli con la scuola (imparare a studiare, compiti, ecc…)
  70. Riuscire a mettere in ordine tutta la casa, buttando tutto quello che non ci serve più!
  71. Pulire il bagno ogni giorno (ricordati le parole di tua zia: il bagno deve essere più pulito della cucina, sempre)
  72. Iscriversi ad un concorso letterario.
  73. Ricominciare a scrivere le tre pagine ogni mattina. (a singhiozzo fino ad ora)
  74. Più passeggiate con Stella (sono diventata pigrissima, mamma mia!)
  75. Aggiornare quotidianamente la pagina del nostro Atelier!
  76. Commentare di più i video che mi son piaciuti su YouTube! Mi sono accorta che in effetti lascio quasi mai un commento!
  77. La situazione è cambiata (da quando ho iniziato a scrivere questa lista) devo trovare assolutamente un lavoro!!!! Che mi piaccia o no dovrò farmelo piacere a forza.
  78. Scrivere una lista di cose divertenti da fare durante le vacanze estive.
  79. Cominciare a leggere libri un po’ più “tosti” a mio figlio più piccolo invece che: pimpa gioca a nascondino, la cacca, e robe simili :/✔︎
  80. Capire come si fa a registrare un video mentre si gioca e nell’angolo in alto a destra si vede la tua faccia!
  81. Andare almeno tre volte in montagna, partire da casa a piedi e raggiungere un luogo (laghetto, cima, ecc..)
  82. Fare qualcosa con mio figlio, il secondo (probabilmente fare una partita coop in un qualche spara tutto in cui io sono totalmente negata…vabbè)
  83. Fare qualcosa con i due più piccoli (non so ancora cosa ma qualcosa che loro si ricorderanno tipo così: ti ricordi quando con la mamma…) Ecco una cosa così con tutti i miei 4 figli! Mi sembra di aver già postato qualcosa con il più grande.
  84. Se avanzano soldi (cioè mai) andare fuori a cena con mio marito al Motto del Gallo!!!
  85. In estate passare una giornata al fiume (sole, libro, panini, ecc…)
  86. Ritornare a visitare altre biblioteche e non solo quella vicino casa
  87. Cercare una ludoteca
  88. Dire ciò che penso, sempre!
  89. Ritornare a fare una colazione sana (tanta frutta e pochi cibi raffinati e zuccherati)
  90. Smettere di bere caffè✔︎ (più o meno almeno non lo bevo più tutti i giorni)ricominciato :/
  91. Imparare una poesia/racconto a memoria.
  92. Esplorare i percorsi ciclabili della zona.
  93. Autoprodurre un po’ di candele per l’inverno
  94. Autoprodurre quella crema (non da mangiare!!!) alla vaniglia/cocco, bianca e soffice come una nuvola che ora non ricordo più come si chiama!!!
  95. Riuscire a mangiare 5 frutti al giorno (per me è dura!!!!)
  96. Prendermi più cura di me stessa Ogni tanto si
  97. Smettere di seguire i “guru” che ti dicono come essere più felici, come organizzare la propria vita, ecc…mi mettono solo ansia!!!
  98. Imparare a preparare in anticipo cose da mangiare, congelarle e averle a disposizione per quando servono o voglia (fondi pizza, lasagne, verdure, ecc…)
  99. Avere risposte pronte per quando le persone quando scoprono che sono vegana e immancabilmente mi scassano le balle! Non ne posso più!!! Chissene cosa magno! Non ti scasso mica se mangi carne o dove prendi le proteine o se il tofu ti fa schifo!
  100. Scrivere un post su cose che odio e magari uno con cose che amo.
  101. Non ignorare questa lista. NON IGNORARE QUESTA LISTA. nonignorarequestalista (completamente ignorata)

Termino qui e a risentirci ad un mio prossimo post!

Ciao

PS: Vi lascio il link su un articolo a proposito di liste che ho appena letto di Austin Kleon, lo potrete leggere cliccando qui.

Annunci

Maman

Non ho mai pubblicato uno scritto da me, tengo i miei pensieri, storie racchiusi in quaderni, fogli sparsi nella mia scrivania. Dicembre è quasi finito e ho voluto pubblicare questo mio scritto risalente l’8.12.2015 Il dolore della perdita è ancora forte in questo mese freddo, in questo mese in cui tutti vogliono festeggiare, in cui tutti abbracciano i propri cari. Ho pubblicato questo scritto anche su Instagram e ho pensato di metterlo anche qui. Scritto in francese perché è la lingua che mi fa pensare a mia madre, lei era francese e io sono cresciuta parlando il dialetto con il papà, il francese con la mamma e la nonna e solo all’asilo con l’italiano! Non è grammaticalmente corretto e non aspiro ad esserlo. Scritto dopo una passeggiata nel bosco in pieno dicembre. Scrivo e disegno…un po’ come scrisse Artaud nel libro su van Gogh che nessuno  scrive, disegna, modella, crea, ecc…senza di fatto uscire dall’inferno. Per me è proprio così, quello che mi porta a scrivere (non qui sul blog) o disegnare è proprio il dolore, l’angoscia forse anche il voler far scorrere, uscire i miei pensieri. Farli scivolare, imprimerli su carta.

Dans le téléphone, maman je t’écoute.

Tu est en vie, ta voix me rassure.

Je sais que tu es là et ça me suffit pour vivre.

Bisous maman. A bientôt.

Tu va dans le bois, mais tu ne le sais pas encore, que tu ne fera plus retour.

Personne ne le sait.

Moi, je ne le sais pas.

Tu cherchais le gui,

tu le trouve, mais tu tombes dans un ravin sans fin. Tu va mourir.

Je me demande:

  • quoi tu pensais, pendant que tu était en train de mourir?

Dites-moi maman ça fait du mal, mourir?

Je suis ici maintenant , sans toi, maman.

Dans ce décembre, le mois que ta porté loin de cette terre, de moi.

Dites-moi maman, comment c’est le paradis?

Y a t-il? Je veux le croire, tu le sais.

Au moins, je sais que tu n’est pas encore disparue.

Je te cherche encore.

Ce matin, maman, tu étais là, dans le bois.

Enroulé autour d’un arbre. Mort.

Tu étais un dragon.

Tu t’enlevais au ciel.

Je t’aime maman.

Ultime letture a auguri di Buon Anno!

Dopo il post con gli auguri di Natale ritorno a parlarvi delle ultime letture terminate. Durante le feste non ho letto molto, ma subito dopo cominciavo a sentire la mancanza della lettura. Così ho deciso di prendere in mano alcuni libri che erano in sospeso, non perché non erano belli ma nel frattempo avevo iniziato altri romanzi e questi sono stati un po’ messi da parte. Peccato! Perché sono state letture preziose e ora sono felice di averle terminate.

On Writing di Stephen King Non c’è molto da dire su questo titolo, penso che in giro si trovino tantissimi post dedicati a questo piccolo libro, manuale, autobiografia di King. Avevo letto così tanti articoli su On Writing che alla fine ho deciso di prenderlo e leggerlo. Ora sono pronta per cominciare la maratona di King! Sono curiosa di sapere quanti libri o forse meglio dire fino a quale libro riuscirò a leggere nel 2018, andando cronologicamente …non voglio saltarne uno! Se amate scrivere o volete sapere qualcosa in più su Stephen King ve lo consiglio! Ma nel web (purtroppo) si possono trovare quasi tutti i consigli descritti nel libro! Peccato! Se avete consigli di libri che parlano di scrittura mi farebbe piacere saperne di piÙ. Ne ho salvati alcuni su Amazon ma sono indecisa! Grazie

Van Gogh Il suicidato della società di Antonin Artaud Questo piccolo Adelphi l’avevo iniziato tempo fa, poi immersa in altre letture è rimasto a prendere polvere sul comodino. Forse anche perché non è stata una lettura semplice, almeno per me. Mi sono ritrovata a sottolineare diversi passaggi, sono andata per emozioni, frasi che mi hanno colpita, afferrata…

E van Gogh vi perdette mille estati.

Di questo è morto a trentasette anni,

prima di vivere …

Nessuno ha mai scritto o dipinto, scolpito, modellato, costruito, inventato, se non di fatto, per uscire dall’inferno.

La sua musica ha abbandonato la tela, la sua pittura ha svuotato la tela per penetrare nella nostra vita.

Leggere Artaud mi ha permesso di entrare nella vita sia di lui, attore di teatro ma anche scrittore e di  van Gogh, nelle loro pazzie, nella loro mente, nel loro male…ha scavato in me parola dopo parola, lasciandomi dolore, compassione, ammirazione.

Se siete appassionati di van Gogh ve lo consiglio vivamente.

Ultima  lettura di questo anno è stata una graphic novel, La casa di Paco Roca come vi avevo già detto non spendo molti soldi in questo genere, perché sono abbastanza care e non ne vado matta. Ma da alcune mi sento attratta, come è stato con Reverie e anche questa lettura è stata molto piacevole. Le immagini sono poesia, incredibile com Paco Roca sia riuscito a trasmettere questo, immagini che puoi riuscire a sentire il fruscio delle foglie che con un alito di vento li senti spostarsi, i passi dei personaggi li senti avvicinarsi o allontanarsi. Scene di vita quotidiana che ci si può identificare benissimo, stessi problemi di famiglia di tutti. Paco Roca ha scritto questa novella grafica dopo la morte di suo padre, ha voluto ricreare scene di vita quotidiana, ma in ogni immagine si può percepire la perdita e del prima e del dopo. Prima quando suo padre c’era ancora, ma lui poco presente nella sua vita o dopo quando ritrovandosi nella casa di suo padre senza di lui poteva ancora sentirlo parlare, chiedergli di aiutarlo in un lavoretto o di altri ricordi. Trovo questo libro migliore di Reverie, l’ho sentito piÙ vicino a me, l’ho sentito mio, l’ho amato. Io l’ho trovato in biblioteca ma conto di acquistarlo e tenerlo con me. Per sempre. Per ricordarmi del tempo che è stato, che c’è e ci sarà o non ci sarà più. L’edizione che vorrò prendermi sarà in lingua originale!

Ecco queste sono state le mie ultimissime letture, non penso che in questi giorni finirò altri libri! Sono felice delle letture di questo 2017, un anno un po’ particolare, ostico…ma ora giunto alla fine. Spero in un 2018 migliore e ricco di nuove letture!

A presto!

Dimenticavo:

Buon Anno!!!

Ultime letture e auguri di Natale

In questo periodo non ho molto tempo per scrivere qui sul blog! Ho deciso di raggruppare gli ultimi libri letti in un unico post invece di crearne uno per ogni libro! Anche perché di alcuni sono già passati diversi giorni (mesi) e non ricordo molto, ma ci tenevo scrivere due righe su ciascun libro letto! L’ultima recensione fatta è stata quella su un libro di Anne Holt che potrete trovare qui. Ma poi ci sono state altre quattro letture ma per una cosa e l’altra non sono riuscita a scriverci qualcosa. Anche se di due libri mi piacerebbe scriverci un post a parte!

Ma vediamo insieme i quattro libri in questione!

La strega di Camilla Läckberg  3/5

Questo ultimo libro di Camilla non mi è piaciuto particolarmente. L’ho trovato troppo lungo e noioso. Soprattutto quando parlava della vita di famiglia dei protagonisti. In se pure la storia non mi ha coinvolta più di quel tanto e veramente ho stentato a leggerlo! Io ho adorato quasi tutti i suoi libri ma questo proprio no! Peccato! I temi sono interessanti come il razzismo, l’adolescenza, segreti e il passato. Ma forse c’era un po’ troppo e la fine sembrava toccare il tema “terrorismo”. Insomma un mix di tutto in un romanzo che mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca e noia.

Le Braci di Sándor Márai 5/5

Avevo questo libro in wishlist da un bel po’ di tempo! Ma essendo lunga questa lista non l’avevo mai ordinato, ma facendo un giro in biblioteca me lo sono trovato di fronte e non ho esitato un attimo! Me lo sono preso e letto quasi subito. Uno dei libri che vi dicevo che mi piacerebbe scriverci un post a parte è sicuramente questo monologo, da leggere accanto ad un camino acceso. Non so perché mi ha toccato così tanto nel profondo questa lettura, ma mi sono ritrovata a fotografare pagine su pagine, perché impossibilitata di pasticciare. Quando un libro tocca le corde della psiche mi affascina  tanto da voler scoprire di più sull’autore. Non è una biografia ma Sàndor si è creato un alterego fantasioso che è questo capitano che si ritrova ormai vecchio a contemplare sul passato e su un fatto successo quarantuno anni fa che vuole assolutamente scoprirne di più, così invita il suo migliore amico per poter scoprire la verità riguardante a quel fatto. Spero di riuscire a scriverci un post! Ne vale la pena! Leggetevelo! 🙂

Il Trono di Spade *3* di George R.R. Martin 5/5

Un libro che ne vale almeno tre, con le sue mille e passa pagine ma che mai una volta mi hanno pesato. Questo forse si è il mio preferito fino ad ora (della serie). Le sue descrizioni mi incantano sempre teletrasporandomi in luoghi lontani e immaginari. Mi ritrovo pure ad amare un personaggio per poi odiarlo o l’incontrario. George fa maturare o peggiorare i suoi personaggi, crescono, pensano, agiscono ma fanno anche sbagli perché sono umani e questo che lo rende così bello per me. Non amo molto il fantasy e avevo paura che questa serie non mi piacesse e invece mi sono ricreduta, sin dal primo volume ho adorato ogni singola pagina! Di fantasy ce n’è poco, almeno fino ad ora, in questo terzo volume spuntano fuori draghi e questi Estranei, esseri freddi e decisamente non umani. Ma a parte questo il resto delle persone sono umane che combattono per un re o per se stessi. Alcuni sono forti alcuni meno, ma  scoprono di avere altre potenzialità.  In questo terzo volume  alcuni personaggi odiosi (che almeno io odiavo) mi sono ritrovata ad amarli, perché come noi spesso usiamo delle maschere per nascondere nostri difetti o debolezze quando questa maschera non c’è più, sotto ci sta una persona come un’altra e questo mi ha fatto molto tenerezza scoprire alcuni difetti o scoprire che in fondo anche a quello che disprezzavo potesse avere un cuore e voler rimediare su cose brutte che ha fatto. Insomma l’ho adorato e divorato! Non vedo l’ora di iniziare a leggere il quarto! Per ora la serie TV è ferma, ho visto solo la prima stagione, magari per Natale mi guarderò le prossime due! Ma il libro non le batterà di sicuro! E questo era l’altro libro che vorrei creare un post a parte, perché merita tantissimo!

La città incantata di Sachiko Kashiwaba 3/5

Questo libro invece non mi ha colpita particolarmente, forse l’unico caso per me fino ad ora che il film era molto più bello! Voi l’avete visto? Il libro procede velocemente ma forse arrivando dal Trono di Spade mi aspettavo qualche descrizione in più e i dialoghi troppo piatti. No questo libro non mi è piaciuto. Peccato perché il film è stupendo! Guardatevelo!

Scusatemi se non ho piÙ postato nulla, ma questi giorni pre-natalizi sono un vero caos  ma conto di ritornare al più presto! Per ora vi auguro di passare delle buone feste! A presto cari amici e amiche 🙂

10 cose da condividere settimana 48/52

Buongiorno a tutti! Ritorno con la mia rubrica settimanale a proporvi alcune condivisioni.

  1. Da quando sono diventata vegana forse una delle uniche cose che ho sentito la mancanza è del panettone e pandoro. Durante il Natale vedere tutti mangiare questo “simbolo” natalizio mi si stringeva un po’ il cuore. Ma da alcuni anni un negozio propone anche un’alternativa vegana, non molto economico ma felice di trovarlo! Finalmente posso pure io deliziarmi di questa bontà.
  2. In fatto di libri ho terminato (finalmente) il libro di Camilla Läckberg “La strega”. Ho faticato terminarlo perché alcuni punti mi annoiavano, non l’ho trovato stimolante come gli altri. Peccato!
  3. Invece un libro che non mi sta per niente annoiando è il terzo volume del Trono di spade, sono giunta finalmente a metà e ogni giorno non vedo l’ora di passare un paio di ore in questa mastodontica storia. Non credo che il telefilm possa eguagliare. Quindi leggetelo se amate questo mondo fantasy ma che di fantasy ha ben poco!
  4. In cucina ho fatto ben poco, ma un giorno mi misi a preparare un impasto del pane ma che poi non avendone più voglia l’ho piantato in frigorifero per una notte e il giorno dopo mi è venuta voglia di trasformarlo in pizza. Forno acceso e pizza pronta in poco tempo!
  5. Visto che ci avviciniamo a Natale ho finalmente fatto tutti i regali! Si proprio tutti! Quest’anno ho deciso di regalare un libro ciascuno. Sono stata quasi un’intera giornata a pensare a quale libro avrei potuto regalare per ogni persona. Anche perché non tutti hanno il tempo o leggono. Ma alla fine li ho trovati tutti. Libri dai dieci fino ai ottantadue anni. Spero saranno apprezzati ci ho messo tutto il mio cuore per sceglierli. Ora li sto aspettando!
  6. Come nuova lettura ho preso tra le mani un libro dalla biblioteca trovato alcune settimane fa. Un libro che avevo in lista già da tempo per  poterlo acquistare. Ma un giorno in biblioteca lo trovai in mezzo a tanti altri libri e lo presi. Non pensavo che mi potesse piacere, l’inizio un po’ lento e la struttura è un monologo, ma un monologo che mi ha conquistata. L’autore parla di un’amicizia ma anche di un amore, trasformati in una infedeltà e tradimento e su questo vuole trovare delle risposte. Un grande libro che mi sono trovata a fotografare le pagine, impossibilitata a sottolineare! Ah il libro si chiama Le Braci di Sándor Márai!
  7. Invece come libro della buonanotte per i miei figli stiamo leggendo Gli sporcelli di Roald Dahl un libro che non mi sta catturando molto ma di certo ci fa ridere!
  8. Per quanto riguarda i videogiochi sono ancora immersa nell’antico Egitto, ormai sono giunta alla fine. Ho alcune missioni secondarie e un solo trofeo da ottenere. Mi spiace un po’ essere agli sgoccioli!
  9. Domenica o sabato mattina non ricordo piÙ, mi sono svegliata tardissimo e metà della famiglia era presa dell’influenza. Fuori era freddo, si gelava ma qualcosa mi diceva: esci. Così ho preparato la colazione ma poi mi sono messa le scarpe, il cappotto e sono uscita a farmi una passeggiata. Mi ha fatto bene. In giro non ho incontrato nessuno. Solo l’aria gelida che respiravo. A volte basta uscire, anche se fa freddo, piove o tira il vento per riordinare le idee o semplicemente come nel mio caso far ritornare un po’ di energia persa!
  10. Sto passando un periodo un po’ così, fra alti e bassi e mi accorgo di non condividere quasi piÙ nulla su Instagram. Scatto foto ma che poi tengo per me. Mi piacerebbe ritornare per pubblicare di nuovo fotografie. Una volta, parlo quando ancora gli smartphone non esistevano, adoravo farmi autoscatti che ora sono diventati selfie. Scattavo fotografie per poi vederle dopo settimane o mesi. Non era istantaneo come lo è ora. A me questa velocità spaventa e mi crea ansia. Mi piaceva quando tutto era più lento, quanto una foto prima di essere vista e condivisa (ovviamente in altri modi) c’era un procedimento lungo che ti creava quella suspence. Chissà come sono venuta? Chissà se saranno a fuoco? Chissà se la foto è venuta con l’effetto che volevo? Ora abbiamo migliaia di fotografie sul nostro cellulare ma che non suscitano nulla, forse ne salverei una decina su mille scatti.

Eccomi giunta alla fine di queste mie condivisioni settimanali. Dicembre è arrivato e presto saremo in un nuovo anno. Sperando sia migliore di questo e che porti un po’ piÙ di gioia e amore a tutti quanti.

A presto!

Giocando ad Assassin’s Creed Origins

Leggendo Gli Sporcelli!

Mangiando una favolosa pizza cotta nel forno a legna di casa

Panettone vegan!

Le Braci…

Il freddo…l’inverno che sta arrivando

Il Trono di Spade!

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva