Skellig di David Almond

Leggere un libro al giorno e nello stesso tempo portare avanti la vita di una famiglia numerosa, a volte è veramente impegnativo, ma è diventato per  me un impegno solido e non mi è difficile seguirlo. A volte, nei momenti di tranquillità, metto il timer per un’ora così guardo quante pagine ho letto e così man mano riesco a capire quale libro riesco a leggere in una determinata giornata. Ora guardo i libri, le pagine e mi dico: ” questo mi ci vorranno due ore, questo nove” e così via. Se la giornata è tranquilla parto subito con un librone se invece è piena con un libro che impegna poco. Mi piace leggere e ho trovato il modo per gustarmi i libri, a volte ne iniziavo uno e lo finivo dopo un mese, perdevo la trama e pure la voglia. Vedo che i libri me li godo di più e sopratutto li apprezzo di più.

Siamo quasi alla fine dell’estate e qui tira già un’aria autunnale, ma di giorno il sole splende nel cielo e scalda e leggere sotto il sole è meraviglioso, nei giorni piovosi sul divano o nel letto. Mi preparo un tè speziato e sgranocchio qualche biscotto preparato per l’occasione.

All’inizio mi dicevo che per me era impossibile leggere un libro al giorno per tutti i giorni, con quattro figli e una casa e poi ho pensato: ” ma in vacanza?” “no no impossibile per me”. Ma ora che leggo mi pare sempre più fattibile in ogni occasione che sia Natale o in vacanza, basta avere libri adatti per ogni giornata.

Recensire il libro ogni giorno è la cosa più difficile per me, in questo momento, il tempo è poco e sopratutto il tempo che sto da sola è poco e così per ora le recensioni sono un po’ corte e con poco contenuto, insomma è quello che a me pare. Ma non devo mai dimenticare che scrivo principalmente per me stessa, scrivere mi aiuta a superare tanti ostacoli e ora con la lettura va molto meglio.

Bene ora passiamo al libro di ieri

PS nell’intramezzo: pubblico sempre la recensione del libro letto il giorno prima, oggi ne leggerò uno nuovo, ok?

  
Leggere Skellig è stato un po’ ritornare bambina, quella bambina a cui piaceva andare nei boschi e cercare fate e folletti fra gli alberi, questo libro mi ha portato un po’ alla mia infanzia, è stato piacevole leggerlo. Un libro per ragazzi ma anche per gli, un racconto per tutti. I protagonisti sono bambini, Michael un ragazzino che si trasferisce in una nuova casa con la sua famiglia, ha una sorellina appena nata sospesa tra la vita e la morte. Vicino alla sua casa conosce la sua vicina, una bambina che fa scuola a casa con la sua mamma e fanno subito amicizia, insieme disegnano e imparano tante cose. Un giorno michael trova qualcosa di un po’ magico nel garage di casa sua e così assieme alla sua nuova amica cercano di scoprire che cosa sia e di cosa ha bisogno.

  
Un racconto semplice ma misterioso, fino alla fine.

Per chi non l’ha ancora letto vi lascio i dati per cercarlo nella vostra più vicina biblioteca o libreria.

Skellig

di David Almond

Salani Editore

Prima edizione 2009

pagg 151