Le parole segrete di Joanne Harris


Joanne Harris tutti la conoscono per la trilogia di Chocolat, è una scrittrice britannica anche se sua mamma come la mia era francese. È cresciuta in mezzo ad un negozio di dolciumi e la sua bisnonna era una strega e guaritrice e  da questo si può capire qualcosa dai suoi romanzi, come da Chocolat dove gli ingredienti principali sono i dolciumi anzi il cioccolato e la magia, ma anche in Le parole di segrete la magia la fa da padrona, un fantasy pieno di magia e incantesimi. È il primo libro in cui mi ritrovo a trascrivere passaggi nel mio quadernetto (tre pagine intere!), ricercare parole nel vocabolario e ripassare un po’ di mitologia germanica che  mi ha sempre un po’ affascinata! Il bello di questo libro che non ci sono  punti morti, noiosi, è sempre pieno di colpi di scena, avvenimenti, ecc…insomma non ci si annoia mai, ovviamente se il genere piace. Io non sono mai stata una da libri fantasy  ma questo mi ha catturata, forse un po’ perché adoro la scrittura di Joanne Harris e Le parole segrete   mi è sembrato un fantasy intricato, non scontato e  non banale.

Maddy vive in un villaggio di nome Malbry dove da tempo tutti quelli che ci abitano fanno di tutto per non sognare mai, non si raccontano più storie della buonanotte e la magia messa da parte. Ma Maddy è una ragazza curiosa, un po’ ribelle che la porta a rimanere sempre un po’ nei pasticci e in quel villaggio lei si sente un po’ esclusa in mezzo a tutta la gente di Malbry che non l’apprezza anche per via di una runa incisa nella sua mano che sa di poter usare questa sua runa ma non sa controllarla fino a quando nel villaggio arriva uno straniero  di nome Il Guercio che diventerà presto un suo amico, anzi il suo unico amico, l’amico che gli racconterà storie di magie ma anche ad usare la  magia, le insegnerà ad usare le varie malie e la condurrà alla ricerca di un tesoro.

All’inizio del libro c’è un lista di tutti i personaggi (buona cosa) ma anche di alcune mappe dei vari mondi e anche una lista delle rune del vecchio alfabeto.

Su goodreads ho dato 5 meritatissime stelline perché mi ha fatta sognare, mi ha trasportata in mondi fantastici, stupendi ma anche ostici. Mi ha fatto venir voglia di realizzare delle rune, già mi immagino al fiume a raccogliere piccole pietre per inciderci sopra i segni delle rune e poi racchiuse in un magico sacchettino di stoffa, tutto realizzato da me!

A metà libro ho scoperto che c’è anche il secondo Le parole di luce che spero al prossimo giro in biblioteca o negozio dell’usato di poterlo trovare! Sarebbe perfetto anche per un film!

Non dico altro ma vi lascio i dati del libro.

Le parole segrete di Joanne Harris

Garzanti editore

pag 511

Titolo originale: Runemarks

Tradotto da Laura Grandi

anno 2008 (prima edizione) Le parole di luce invece 2011 (mi sembra)

*****

Voi avete già letto qualcosa di Joanne Harris?

 

Annunci

Half Lost di Sally Green

Finalmente sono arrivata alla fine di questa trilogia, non ce la facevo più di Nathan! Scusate ma questa saga non mi è piaciuta. Potete leggere le mie recensioni di HALF BAD  e di HALF WILD, stranamente sono riuscita a portare a termine l’intera trilogia non come con l’ultima trilogia letta quella delle gemme RED  e BLUE , sono arrivata all’ultimo libro ma non ce l’ho fatta a finirlo e alla fine ho abbandonato la lettura dell’ultimo capitolo.


Comunque FINALMENTE in questo capitolo sin dall’inizio le cose cominciano a farsi movimentate, sono in guerra e Nathan…uff…no non vi posso svelare nulla, comunque vuole giustizia e dovrà di nuovo fare conto sulle sue emozioni, su ciò che desidera.

Non ricordo nemmeno più cosa vi ho scritto in Half Wild, comunque questa saga è adatta ad un pubblico giovane. A me non è piaciuta per il modo in cui è stata scritta, anche se questo ultimo capitolo l’ho letto tutto d’un fiato (ma era solo la voglia di finirlo e non pensarci più). Si legge veramente velocemente, forse è anche il come è stata scritta, molto fluida ma piena di pippe mentali di Nathan. Ok la finisco qui perché questa saga non mi ha lasciato nulla a parte l’amaro in bocca ma se voi l’avete letto e vi è piaciuto o no fatemi sapere!

Chiudo qui e se avete consigli fatemi sapere che sono un po’ in crisi libresca, alcuni libri che vorrei leggere non sono ancora stati tradotti e  ora non so cosa leggere.

🙂

 

Half Wild di Sally Green

Rieccomi qui a parlarvi di libri, sono riuscita a procurarmi il due della trilogia di Sally Green, ho letto il primo un po’ di tempo fa e vi avevo lasciato una breve recensione. Anche questo secondo libro come il primo mi ha lasciata un po’ perplessa, nel senso che in generale la storia è carina, ma mi snervavano tutti i pensieri di Nathan (il protagonista), praticamente fino a quasi la fine del libro non succede nulla, un po’ come il primo, e poi le ultime 150 pagine circa comincia a movimentarsi, nel senso che cominciano a morire un po’ di persone. Personalmente questa saga non mi sta piacendo molto. Leggerò il terzo perché oramai voglio vedere come va a finire però piÙ di tre stelline anche in questo secondo libro non le ho date!


(Foto dal mio Instagram stories! ) 

Nel primo libro siamo arrivati che Nathan dovrà capire se essere un mago bianco e nero, i doni li otterrà da sua nonna o da suo padre. In questo secondo capitolo Nathan dovrà fare i conti con il suo “dono”, non sarà facile tenerlo a bada! Si parlerà anche di amicizia e di amori, un amico che vuole essere di piÙ per Nathan, ma lui è confuso, perché sa di amare una ragazza che al momento è in pericolo, lui la vuole salvare ma tutto non andrà come dovrebbe andare. C’è una guerra da affrontare, nemici da uccidere. Ecco più o meno è così questa seconda parte, un po’ confusa la mia mini recensione ma è per cercare di non fare alcun spoiler :-))) e vedo che non è semplice!!!
Ora dovrò andare a recuperare l’ultimo e poi darò un giudizio finale. Ho saputo che comunque finirà bene ma non ho idea di come e cosa accadrà.

Per oggi vi saluto e vi auguro una splendida serata! 

Half Bad di Sally Green

Prima di iniziare a scrivere di Half Bad, mi spiace di non aver più postato nulla da agosto ma tra una cosa e l’altra ho lasciato un po’ perdere questo blog! Avevo detto che avrei parlato dell’ultimo capitolo della Trilogia delle Gemme ma dovete sapere che ho abbandonato a metà il libro, non mi prendeva e ci stavo mettendo un’eternità a finirlo! Non mi piace abbandonare i libri ma in questi mesi ho lasciato a metà diversi iniziati, ma penso che sia stato un po’ per colpa mia, non riuscivo a trovare una lettura che mi prendesse! Unici libri che ho adorato alla follia sono quelli di Tracy Chevalier, li sto leggendo tutti e uno l’ho finito proprio l’inizio dell’anno (La vergine azzurra) e uno lo sto leggendo ora (Quando cadono gli angeli) Ma durante il 2016 ne ho letti altri! Fin dalla prima riga mi ha tenuta incollata al libro, non so come ci riesce ma adoro come scrive e come mi trasporta in altre epoche! Adoro!

Comunque sia, ho iniziato l’anno con una challenge su Goodreads, tra l’altro mi sono appena iscritta, ho provato a trasportare i libri da Anobii ma mi ha fatto solo un casino e lasciando per strada vari libri (oltre 100!) Ma ho deciso per ora di continuare su Goodreads lo trovo molto più carino, Anobii cominciava a stufarmi e mi dimenticavo pure di aggiornare con i libri letti e abbandonati!

Su Goodreads ho dato il via ad una challenge! Prima volta che ne inizio una! 100 libri in un anno! Non so se ci riuscirò ma sicuramente se troverò dei bei libri sarà facile portarla a termine!


Dopo questa introduzione vi  voglio parlare del mio secondo libro letto in questo 2017! Half Bad di Sally Green! L’ho preso a caso in biblioteca, non sapevo nemmeno di cosa parlasse! Comunque sia l’ho letto in un giorno! Proprio ieri alle 23 l’ho terminato, non so ancora bene che voto dargli anche se su goodreads ho messo un tre ma gli darei anche un bel quattro. Non capisco bene se mi è piaciuto o no. Quando l’ho iniziato a leggere mi sono detta…no non è un libro per me, non sarà mica tutto così? E invece il libro continua così e io continuo a leggere, non succede quasi niente ma io ancora incollata al libro proseguo. Insomma nonostante non sia un granché l’ho letto in un giorno, non ci vuole molto ma se non mi fosse piaciuto l’avrei lasciato e continuato il giorno dopo (forse). Allora forse da me un 4 se lo merita, perché mi ha tenuta incollata fra le pagine fino alla fine!

Leggendolo mi ha ricordato un po’ Harry Potter ma anche un po’ Twilight. Il bene e il male e questo ragazzo che è in mezzo dovrà schierarsi da una parte o dall’altra, ma poi il bene sarà veramente il bene e il male sarà così terribile? Non ho ancora letto gli altri due e spero che saranno migliori e che succederà qualcosa di più di questa prima parte! Bad Half è un libro per ragazzi ma nonostante i miei 37 (36!!!!ma che dico???) anni l’ho praticamente divorato!

Il mondo in questo libro è diviso tra i profani (babbani) e da un mondo fatto da magia diviso però in due i maghi bianchi e quelli neri (i cattivi). Il protagonista è Nathan figlio di una maga bianca e da un mago nero, oscuro e cattivo (così si dice), ma visto che la madre è morta il ragazzo viene cresciuto dalla nonna, il padre è lontano e nessuno ne vuole parlare perché è un cattivo che uccide tutti i maghi bianchi. Nathan vuole essere/diventare un mago bianco ma dentro di lui c’è anche il sangue di suo padre! Dagli otto anni Nathan sarà obbligato a recarsi presso il Consiglio dove verrà tartassato di domande dai potenti maghi bianchi per assicurarsi che diventerà un mago bianco e non uno nero. POi vi consiglio di leggere il libro, anzi i tre libri! Questa prima parte sarà concentrata sul ragazzo, la trasformazione di Nathan, la ricerca dei suoi poteri e dei suoi doni!

Ora ho da iniziare Wonder! Da troppo tempo  sul comodino e da troppo tempo che leggo recensioni superpositive e io che ce l’ho non l’ho nemmeno iniziato! Spero di tornare presto di parlarvi di libri, non come ho fatto ad agosto! 🙂

Voi avete letto Half Bad? Sono curiosa di sapere come l’avete trovato e che età avete! Grazie per qualsiasi commento e grazie a chi è arrivato fino in fondo a leggermi! Ora cerco di aggiungere Goodreads qui sul blog, cosicché voi mi potrete aggiungere! A presto cari amici e felice lettura in questo weekend!

 

Trilogia delle Gemme “Blue” di Kerstin Gier

Buongiorno e buon sabato a tutti voi. Ieri sera ho terminato il secondo libro di questa trilogia delle Gemme. Non si è rilevato molto profondo, anche se tutto sommato un po’ mi è piaciuto. Ma resta un po’ come il primo…poca roba. Nel senso che succede ben poco, i soliti viaggi del tempo per scoprire chissà cosa, l’amore, l’amicizia e la famiglia. Non riesco a dire che i libri non mi sono piaciuti ma non posso nemmeno dire che siano stupendi, comunque sia vi lascio un resoconto di questa seconda parte.

La trilogia delle Gemme Blue

La trilogia delle Gemme

Blue

di Kerstin Gier

TEA editore

Prima edizione: 2013

traduzione di Alessandra Petrelli

Come per il primo non ho capito questo secondo titolo: Blue, mi sa che dovrò andare a ricercarne il significato, nel libro non mi sembra che si dica qualcosa al riguardo, almeno nel primo pensavo che fosse associato che il rosso era il colore dei capelli delle donne che sono e sono state viaggiatrici del tempo, ma appunto Gwen non ha i capelli rossi ma bensì neri. Magari sarà questione di pietre preziose…

In questo secondo libro della trilogia, Gwen incontrerà nei suoi viaggi assieme al bel Gideon il conte di Saint Germain, un conte molto potente con poteri molto potenti che spaventeranno subito Gwen. Gwen scoprirà presto di non potersi fidare di nessuno, anche del suo bellissimo Gideon o dei Guardiani. Tutti vogliono completare il cronografo prelevando il sangue dai dodici guardiani, ma alla fine per quale scopo, cosa si nasconde? Chi lo vuole fare è per fare del bene o solo per prendere il potere e dominare su tutti? Insomma si gira ancora su questo cronografo, c’è ancora da capire perché quei due che ancora non ho capito chi siano (gli zii?)volessero rubare il cronografo per impedire una catastrofe o perché lo volessero tutto per loro. E poi erano veramente gli zii o … insomma tanti punti di domanda e poche risposte solo intuizione e voglia di finire questa trilogia per vedere effettivamente come finirà e sopratutto se succederà (finalmente) qualcosa. Verso la fine del libro qualcosa si comincia ad intuire, c’è pure un codice da decifrare ma non so se avrò la pazienza di farlo visto che ho a portata di mano il terzo libro della trilogia.

Mi dico sempre che quando inizio a leggere di scrivermi i nomi e tutte le cose che ritengo importanti da ricordare, poi a volte non lo faccio come è successo in questa trilogia, ho pensato intanto è un libro semplicissimo che mi serve trascrivere giù tutto? Invece…mi sarebbe servito.

Il mio giudizio finale è: così così, non bello ma nemmeno brutto 🙂

Aspettavo di leggerlo da chissà quanto tempo ma poi ne sono rimasta un po’ delusa leggendo il primo e ora sto proseguendo la lettura un po’ controvoglia.

Voi l’avete letto o avete intenzione di leggerlo? Cosa ne pensate di questa trilogia?