Il profumo delle foglie di limone di Clara Sanchez

Mancano pochi giorni alla riapertura della biblioteca e io sono impaziente di farci una visita, i libri cominciano a scarseggiare e la scelta è poca. Mi piace sapere di avere una certa scelta,  a dipendenza della giornata posso scegliere un libro più o meno impegnativo. Devo anche trovare il coraggio se un libro non mi piace di chiuderlo e cominciarne un’altro, come avrei dovuto fare con questo libro.

  
Non so cosa mia abbia spinto di scegliere questo libro, preso anche questo chez Emmaus per pochi franchi. Leggerlo in un solo giorno è stata durissima, mi ha proprio distrutta. Pensavo di finirlo in sei ore al massimo ma ho svoltato l’ultima pagina un po’ prima della mezzanotte.

Leggevo ma le pagine che avevo ancora da finire erano infinite, sembrava che non stessi avanzando.

Quando mi sono messa a leggere trovavo la storia interessante ma non avrei certo pensato che andando avanti mi sarei persa diverse volte.

Una ragazza incinta che fa conoscenza con una coppia di anziani, li prende come se fossero i suoi nonni che non ha mai avuto, e loro come fosse la propria nipotina, ma non sa che questi due anziani una volta erano dei criminali nazisti e così fa conoscenza con Julian, scampato al campo di concentramento di Mathausen e alla ricerca di questi criminali e insieme cercheranno un modo per smascherarli.

L’inizio del libro è bello, ti coinvolge ma poi sembra non finire mai, diventa noioso. Devo dire che i libri che parlano delle atrocità dovute al nazismo non mi sono mai piaciuti, non che l’argomento non mi interessi ma fa sempre male leggerli. Forse con il tempo mi abituerò a leggerli e capirli un po’ di più.

Se volete addentrarvi anche voi in questa lettura vi lascio i dati per cercare il libro:

Il profumo delle foglie di limone

di Clara Sanchez

Editore Garzanti

pag 355

prima edizione 2011

Annunci