L’alchimista di Paulo Coelho

La lettura di ieri è stata una lettura spirituale a dir poco magica, il mio primo libro di Paulo Coelho è stato con L’alchimista racconta la storia di una iniziazione di un ragazzo di nome Santiago, un giovane pastorello andaluso alla ricerca di un tesoro da lui sognato, lo porterà fin alle piramidi in Egitto.

  
Santiago percorrerà un cammino verso un’innalzamento spirituale, alla fine attraverso gli ostacoli e le persone conosciute raggiungerà il tesoro alchimico.

Appena ho letto il libro, la prima cosa a cui ho pensato è questa:

Il tesoro è proprio qui vicino a noi ma se non rincorriamo i nostri sogni non potremmo vivere il percorso  che ci porta al loro raggiungimento. Qui stiamo bene e al sicuro, abbiamo paura di andare avanti perché non sappiamo cosa cambierà o succederà, ma è proprio questo il bello, uscire dal proprio guscio e scoprirsi, lentamente, ma scoprirsi.

Santiago aveva in mente di andare da una giovane fanciulla di cui era innamorata ma nel suo viaggio incontra diverse persone che gli fanno cambiare il suo percorso, viaggerà fino ad arrivare nel deserto, dove li incontrerà l’amore della sua vita, non ci sono parole ma soltando guardandosi, capiscono di amarsi. Bellissimo. Lì Santiago vuole fermarsi, ma grazie all’alchimista ritornerà nella via del suo percorso spirituale, fino a quando la raggiungerà.

Questa favola è veramente stupenda, il libro mi è stato regalato da mio padre, inoltre la copertina di questa edizione è meravigliosa, un mare di colori.

Consiglio l’Alchimista a tutti quelli che in questo momento si sentono persi e confusi. Un libro che ci cambia e ci lascia con tante domande e riflessioni. Un libro da ascoltare con il cuore e per imparare ad ascoltarlo.

L’Alchimista

di Paulo Coelho

editore Bompiani

prima edizione 1995

pag 183